Risultati per ravensbrück

Add to feed Crea il tuo feed personale

Ultimo

La biblioteca di Saluzzo intitolata a Lidia Rolfi Beccaria. Chi fu la “maestrina di Rossana” deportata nel campo di Ravensbrück

La scritta antisemita "Juden hier", "qui ci sono ebrei", è comparsa sulla porta di Aldo Rolfi, figlio di Lidia, partigiana deportata a Ravensbruck nel 1944, una delle grandi voci dell'orrore dei lager. L'accaduto:

Scritta contro ebrei a Cuneo, Aldo Rolfi: "Spero sia bravata". Scritta antisemita davanti alla casa di Aldo Rolfi, figlio di Lidia, deportata a Ravensbruck#VIDEO  #ANSA 

Il coraggio di Lidia, sopravvissuta a Ravensbruck "per gridare a tutti che l'inferno esiste" [aggiornamento delle 16:26]

Il coraggio di Lidia, sopravvissuta a Ravensbruck "per gridare a tutti che l'inferno esiste"

Ma continuate pure a sottovalutare, a giustificare, a riderne, a definirle "goliardate"... Mondovì. “Juden”: imbrattata la porta di casa del figlio di Lidia Rolfi, la testimone di Ravensbruck. Reazioni di sdegno. di @LaStampa 

Scritta contro ebrei a Cuneo, Aldo Rolfi: "Spero sia bravata". Scritta antisemita davanti alla casa di Aldo Rolfi, figlio di Lidia, deportata a Ravensbruck#VIDEO  #ANSA 

Il coraggio di Lidia, sopravvissuta a Ravensbruck "per gridare a tutti che l'inferno esiste" [aggiornamento delle 14:57]

Nei giorni della Shoah e del ricordo su sua madre, Lidia Rolfi (testimone dal campo di concentramento di Ravensbruck, sulle cui donne ha scritto un famoso libro-memoriale), l’amara sorpresa.

A Ravensbrück c’erano solo donne. Ne entrarono più di 130.000. Solo il 20% erano ebree, le restanti erano "colpevoli" di essere lesbiche, socialiste, prostitute, abortiste. Capitoli di storia bui da non dimenticare.

Caricamento
Loading

Più rilevanti

A Ravensbrück c’erano solo donne. Ne entrarono più di 130.000. Solo il 20% erano ebree, le restanti erano "colpevoli" di essere lesbiche, socialiste, prostitute, abortiste. Capitoli di storia bui da non dimenticare.

A Ravensbrück c’erano solo donne. Ne entrarono più di 130.000. Solo il 20% erano ebree, le restanti erano "colpevoli" di essere lesbiche, socialiste, prostitute, abortiste. Capitoli di storia bui da non dimenticare.

A Ravensbrück c’erano solo donne. Ne entrarono più di 130.000. Solo il 20% erano ebree, le restanti erano "colpevoli" di essere lesbiche, socialiste, prostitute, abortiste. Capitoli di storia bui che meritano di essere ricordati, visti i tempi.

A Ravensbrück c’erano solo donne. Ne entrarono più di 130.000. Solo il 20% erano ebree, le restanti erano "colpevoli" di essere lesbiche, socialiste, prostitute, abortiste. Capitoli di storia bui che meritano di essere ricordati.

A Ravensbrück c’erano solo donne. Ne entrarono più di 130.000. Solo il 20% erano ebree, le restanti erano "colpevoli" di essere lesbiche, socialiste, prostitute, abortiste. Capitoli di storia bui che meritano di essere ricordati. Oggi più che mai.

A Ravensbrück c’erano solo donne. Ne entrarono più di 130.000. Solo il 20% erano ebree, le restanti erano "colpevoli" di essere lesbiche, socialiste, prostitute, abortiste. Capitoli di storia bui che meritano di essere ricordati. Oggi più che mai.

Ravensbruck è stato l’orrore nazista declinato al femminile. Vi venivano rinchiuse donne definite asociali: comuniste, lesbiche, ebree. Donne che andavano "corrette" ed estirpate dalla società. Che la memoria sia utile a non commettere gli stessi errori.

A Ravensbrück c’erano solo donne. Ne entrarono più di 130.000. Solo il 20% erano ebree, le restanti erano "colpevoli" di essere lesbiche, socialiste, prostitute, abortiste. Capitoli di storia bui che meritano di essere ricordati. #GiornatadellaMemoria 

Ravensbrück, il campo di concentramento per lesbiche e prostitute - La storia dimenticata

tweet picture

Caricamento
Loading